Blog

Aperitivo virtuale con Federica Zanghirella, vice presidente di UK Sommelier

Di Francesco Ciancio

Continua la nostra rubrica con le interviste on-line, in attesa di poter tornare presto a farle di persona.

Oggi durante il nostro aperitivo virtuale abbiamo intercettato Federica Zanghirella, vicepresidente di UK Sommelier .

– Ciao Federica, come stai? Parlaci di te professionalmente .

Mi chiamo Federica Zanghirella e sono nata a Torino qualche decade fa. Il mio background é artistico. Ho studiato arte e cinema all’universitá di Torino e lavorato nel 3D e computer grafica per 10 anni. Vino e cibo sono da sempre una passione e nel 2007 ho deciso di intraprendere un percorso di studio iniziando in Italia il corso sommelier. La passione é cosí cresciuta, e quando nel 2011 ho deciso di trasferirmi a Londra, cittá della quale mi ero innamorata dopo un recente viaggio, ho pensato di cambiare carriera e dedicarmi al vino. 

Il destino mi ha aiutata. Ho incontrato Andrea Rinaldi, Presidente della UK Sommelier Association, che all’epoca, come ora, organizzava la versione internazionale dei corsi dell’AIS a Londra e aveva bisogno di un collaboratore. Ho iniziato ad aiutarlo con corsi ed eventi e da allora non ho piú smesso, diventando poi la Vice Presidente dell’Associazione. 

Allo stesso tempo mi sono messa a studiare e dato gli esami del caso e dopo qualche anno sono diventata insegnante. 

Ora mi dedico a tempo pieno all’organizzazione di corsi, eventi e all’insegnamento. Avendo un background artistico e grafico mi occupo anche di tutta la parte di grafica digitale e di online marketing dell’associazione. Cerco anche di non trascurare la mia passione per il cinema e l’arte, creando video ed in futuro documentari sul vino.

– Perché UK sommelier ? quali sono le attività che svolgete nel Regno Unito ? 

La UK Sommelier Association é stata fondata da Andrea Rinaldi (il Presidente) nel 2005. Io ho iniziato come General Manager nel 2011, poi promossa a Vice Presidente qualche anno piú tardi.

Ci occupiamo dell’organizzazione della versione internazionale del corso sommelier AIS e di corsi brevi che di recente facciamo anche online. Organizziamo poi due grossi eventi all’anno, la cerimonia di consegna diploma dei nostri studenti e l’evento/competizione Best UK Sommelier. Ci dedichiamo anche ad eventi medio/piccoli come masterclasses, cene a tema con produttori, degustazioni.

– Il Regno Unito è ancora solo il paese della birra ? Come descriverebbe a 360 gradi il mondo del vino d’oltre manica ?

 Il Regno Unito della birra appartiene al passato. La birra é sempre molto popolare, ma lo é anche il vino. E se la qualitá di quest’ultimo fino a qualche anno fa era scarsa, ora i gusti degli inglesi sono cambiati (e stanno cambiando) e anche qui si ricerca l’eccellenza. 

A Londra peró, al contrario che da noi, arrivano vini da ogni parte del mondo, e la competizione é molto aggressiva. Qui c’è tanto e di tutto, e non é facile per i produttori italiani ritagliarsi un angolino. Da qualche anno gli UK sono anche diventati produttori di ottimi sparkling e l’orgoglio per i loro prodotti in futuro potrebbe appassionarli ancora di piú al mondo del vino. 

La brexit purtroppo non sta aiutando e nel futuro ci si aspettano rincari che potrebbero giocare a scapito della qualitá. Il paese sta attraversando un periodo di profondo cambiamento, difficile prevedere cosa succederá in futuro.

– In UK vengono apprezzati più i vini italiani o francesi ?  

La tradizione del vino francese qui é difficilissima da sradicare, e rimane ad oggi il numero uno. Ma i vini italiani hanno la reputazione di avere un ottimo rapporto qualitá prezzo che li fa apprezzare sempre di piú. L’amore degli inglesi per l’Italia aiuta, ed al ritorno dalle vacanze nel bel paese spesso i britons si convertono al vino italiano.

– Qualche anno fa hai avviato un progetto online, un applicazione… di cosa si tratta ?

Ho creato la mia app per l’abbinamento 3 anni fa, e lo fatto per scommessa con me stessa. Mi piacciono le sfide e un’app mi é sembrata un’impresa sufficientemente stimolante. É stato un lavoro molto lungo ed intenso, creare la libreria di abbinamenti mi ha preso diversi mesi. Ma mi ha dato e mi sta dando molte soddisfazioni. 

Il concetto é semplice, partendo dalle varie famiglie di cibi e selezionando il metodo di cottura e i condimenti, ho cercato di arrivare all’abbinamento con meno passaggi possibile. 

Negli ultimi tempi peró, presa da altri progetti impegnativi, non l’ho piú aggiornata. Lo faró al piú presto. L’app si chiama Wine it up (Wineitup per Android) ed é gratuita su Apple and Android.

– Quali sono i tuoi progetti per il futuro e ripresa dopo il Covid-19 ?

Il Covid ha ovviamente, anche qui come nel resto del mondo, creato un periodo di stallo assoluto, nonché di smarrimento. 

Poco prima del lockdown avevamo iniziato il nuovo corso sommelier e lo abbiamo subito trasferito online. I nostri studenti hanno apprezzato molto. In un periodo cosí difficile, avere un impegno settimanale da attendere con ansia ha aiutato molto tutti noi. 

Questa nuova sfida ha poi ispirato la creazione di una serie di mini corsi online (Italian Wine Specialist, Wine Tasting Specialist e presto French Wine Specialist) focalizzati su un tema specifico. 

Stanno avendo un buon successo, soprattutto in quanto abbiamo trovato un buon accordo con un supplier e recapitiamo a casa dei partecipanti il vino (12 bottiglie) che degustiamo insieme. Un bel valore aggiunto che é molto apprezzato.

Il futuro, covid o non covid, é senz’altro sempre di piú in remoto e sono sicura che i corsi virtuali avranno ancora piú successo.

Speriamo peró di tornare alla normalitá al piú presto e di riprendere in autunno con il nuovo corso in classe, il contatto umano é senz’altro importante se si vuole trasmettere la passione per il vino.

Punto dolente invece é il mondo della ristorazione. Pub e ristoranti riapriranno qui non prima di luglio, e gradualmente. Ci si chiede in quanti saranno in grado di riaprire dopo 5 mesi di inattivitá. Il mondo della sommelierie sicuramente ne sta soffrendo e ne soffrirá. Bisognerá fare uno sforzo comune eccezionale per superare questa crisi, ma ci si augura che questo virus abbia insegnato a tutti ad essere piú umili ed a non dare per scontato ció che ci circonda, rendendoci forse un pochino migliori.


Continue our online interviews, waiting to be able to return soon to do them in person.

Today in our virtual aperitif we intercepted Federica Zanghirella, deputy

president of UK Sommelier.

– Hi Federica, how are you? Tell us about yourself professionally.

My name is Federica Zanghirella and I was born in Turin some decades ago. I have an artistic background and I studied art and cinema at University. I have worked in VFX and computer graphics for 10 years in Italy, running my own company. Wine and food have always been my passions and I decided in 2007 to start a sommelier course to further my wine education. The passion grew and when in 2011 I planned to move to London, I decided for career change.

After I moved to London I met Andrea Rinaldi, the UK Sommelier Association President, who was organising the AIS certified course in the UK. He was looking for someone to help him with the organisation of courses and events and I decided to join and embrace the new challenge. I started then studying and taking exams, becoming eventually one of the course teachers. Later I was promoted as Vice President of the Association.

I am now in charge of the courses direction and organisation, I teach wine tasting, Italian wines and wine pairing, and I organise events and wine tastings.

Because of my graphic and artistic background I also create all the digital content and I look after the association social media.

I started my YouTube channel recently, creating educational/entertaining videos about wine (Wine a Minute) and I hope to be able to start soon my greatest passion, directing documentaries about wine.

 –      Why UK sommelier ? what are your activities in the UK?

The UK Sommelier Association was founded in 2005 by Andrea Rinaldi, current President. I joined in 2011 as General Manager and I was later promoted Vice President.

We organise two sommelier courses per year, plus some short courses that recently we are doing also online. We also organise two big events per year. The students’ graduation ceremony and The Best UK Sommelier competition and tasting. We also run masterclasses and smaller events for wine producers or importers and distributors. 

–      The UK is still just the country of beer ? How would you describe the world of wine at 360 degrees ?

 English people just drinking beer is an image that belongs to the past. Wine is trendy and Britons are interested in discovering regions, countries, grape varieties. They are looking for quality and good value for money like never before. Thanks to the fact that the UK is now a wine producing country, with their lovely sparkling, people are more and more interested to further their knowledge and education about wine and also refine their palate.

In London we have wines from all over the world and the competition is aggressive. Not easy for a wine producer to break into the market over here.

Unfortunately brexit slowed a bit down this process, and we still don’t know what exactly will happen in the future about the wine and hospitality business. The country is changing and we can just wait and see.

– Italian or French wines are more appreciated in the UK ?

  French wine tradition and success is extremely difficult to top, but italian wines are becoming more and more popular, mainly thanks to their higher value for money. English people love our country, traditions and eno-gastronomy, and this helps a lot as well.

– A few years ago you started an online project, an application… what is it?

I created my wine app 3 years ago. I liked the challenge of creating something so complicated from scratch. Has been a long and intense task but I am very happy about the result. It took me almost one year to create the library of information, and I am now very proud of it. The idea is very simple. Starting from the raw material and considering the method of cooking and seasoning, I tried to create for each wine pairing the quickest way to get to the wine suggestion. 

Unfortunately recently I’ve been very busy with new projects and I haven’t been able to update the wine vintages, but I will do it soon.  It’s called Wine it up (Wineitup for Android) and it’s free for IPhone and Android.

– What are your plans for the future and recovery after Covid-19 ?

 The last few months have been very challenging here, as well as in the rest of the world. 

Covid had a big impact on our health and our life, in any aspect of it.

Regarding our courses we reacted quickly, moving them online. Has been a positive experience and we decide to create two more tailor made courses online. The Italian Wine Specialist and the Tasting Specialist. What makes these virtual courses interesting is that we were able to get a good deal with one of our suppliers and we send at home to our attendees 12 bottles of quality wines that we taste together during the lecture. This adds value to the course, making the experience online more satisfactory.

For sure in the future, virus or not virus, everything will be a lot more virtual and we are ready for that. 

We really hope though to be able to run our classroom based course as well soon. Human interaction is still the best way to pass on the passion for something amazing like wine.

However we are also very concerned about the hospitality business. The lockdown was of course necessary but is creating a huge damage to businesses, and we don’t know how many restaurants will be able to open their doors in July, when in the UK they will be allowed to restart activities. The sommelierie world unfortunately will suffer greatly for this. 

We all need to focus on getting back to normal helping each other to get out of this terrible situation. Hoping that the life lesson covid gave us will make us all more humble and better human beings.

Clicca per seguirci sui nostri canali Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti è piaciuto il sito? Continua a seguirci!

YouTube
YouTube
Instagram